07/04/2021 TREVISO – Avevano messo a segno un furto in un’abitazione in zona sant’Angelo. Sono stati sorpresi dalla polizia. Si tratta di due minorenni: uno per tentare la fuga ha morso un agente. || Sorpreso all’interno di una proprietà privata alle 5 e 30 del mattino. Il giovane era vestito di nero con il viso celato da un mascherina chirurgica. Alla vista degli agenti ha scavalcato la recinzione e si è dato alla fuga. Immediatamente sul posto è arrivata anche un’altra volante. In un vialetto adiacente sono state notate quattro biciclette appoggiate ad un muro. Poco distante due giovani che vista l’auto della polizia hanno iniziato a scappare. Un fuga durata poco. I due sono stati bloccati e sottoposti a controllo. Si tratta di minorenni, 17 e 16 anni. Gli agenti hanno chiesto cosa facessero fuori a quell’ora, contravvenendo alle disposizioni relative agli spostamenti in orario notturno. I due si sono giustificati dicendo che erano usciti poco prima da casa per andare ad acquistare le sigarette. Ma poi hanno capito che da li a poco i poliziotti avrebbero scoperto tutto. Così uno dei due ha pensato bene di aggredire con calci e pugni e addirittura e mordendo un agente alla mano per aprirsi un varco e fuggire. Ma sono stati fermati. I poliziotti hanno recuperato un borsone con della refurtiva rubata dal garage di una casa privata poco lontana: all’interno un computer portatile con relativi dispositivi ed un portafoglio. Fra l’altro le due biciclette una Mountin bike ed una bicicletta elettrica del valore di migliaia di ieri, in possesso ai minorenni erano state rubate. I due sono stati denunciati per furto in abitazione, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e sanzionati amministrativamente per inottemperanza alle disposizione anticovid. I due minorenni poi sono stati riaffidati ai genitori. (Servizio di Daniela Sitzia)


videoid(yYzrN4JTLHo)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria