06/04/2021 ROMA – Tensione e tafferugli oggi a Roma per la protesta di parte del mondo della ristorazione e del fitness. Presenti anche veneti e trevigiani. “Noi siamo contro la violenza, ma la gente non ce la fa più”. || Non sono mancati momenti di tensione con le forze dell’ordine a Roma per la protesta di parte del mondo del commercio e della piccola impresa.Disordini durante i quali alcuni poliziotti sono rimasti lievemente feriti dal lancio delle bottigliette e uno di questi è stato medicato sul posto prima di essere trasportato in ospedale.A manifestare sono stati in particolare operatori del fitness e ristoratori, anche veneti. Tra i promotori della giornata Yuri, titolare a Maser di una palestra. “Eravano in 5000, tanti sono arrivati anche dal Veneto e da Treviso”, dice. Yuri che ripercorre i fotogrammi della giornata da una piazza ancora gremita. “Purtroppo eravamo sul palco quando per alcuni la protesta è andata oltre. Noi siamo contro la violenza, ma l’esasperazione è tanta. Non ce la facciamo più”.Due le richieste poi formulate da una delegazione ricevuta a Montecitorio: sostegni reali e riapertura immediata. – Intervistati YURI DORIAN GRAY (Titolare palestra Maser) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(0YuendOQCIc)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria