04/04/2021 PONTE DI PIAVE – Domani si riparte con le vaccinazioni in tutta la Marca e sarà attivato a Ponte di Piave il nuovo Vax Point per l’Opitergino Mottense || Riprende domani, a pieno regime, la campagna vaccinale nella Marca, dopo gli stop and go dell’ultima settimana a causa dei ritardi nelle consegne dei vaccini, che hanno sfasato la programmazione e mandato in tilt nella giornata di giovedì la piattaforma web.Ai poli vaccinali già operativi nel territorio, da domani Pasquetta, si aggiungerà quello di Ponte di Piave, ospitato al palasport Sara Anzanello, che diventerà polo di riferimento per l’intero territorio dell’Opitergino Mottense.Gli spazi sono pronti, transenne e box allestiti, due gli ingressi utilizzabili, e poi i parcheggi che nella zona non mancano: ci sono quelli della stazione, della vicina casa di riposo e dello stesso palasport. Questa la palestra nel giorno di Pasqua, in attesa di flussi che – vaccini permettendo – saranno continui per tutta la giornata da domani a estate inoltrata.L’obiettivo, del resto, è ambizioso: ovvero somministrare 100 dosi all’ora, con le priorità fissate dalla Regione e recepite dall’Ulss 2.L’Ulss 2 intanto sta ricercando altri spazi e l’ex Pagnossin -a due passi dall’aeroporto Canova – potrebbe ospitare il primo centro vaccinale in drive-in della zona di Treviso, modalità che è stata sperimentata sabato con successo a Castelfranco Veneto. Anamnesi e inoculazione quindi senza scendere dall’auto. Il sopralluogo dei tecnici dell’Ulss nell’area si terrà a stretto giro di posta. Se ci sarà l’ok tecnico, si potrà arrivare a 1500-1600 dosi al giorno.Questa la programmazione in evoluzione della macchina sanitaria trevigiana, in attesa di certezze sulle forniture. – Intervistati PAOLA ROMA (Sindaco di Ponte di Piave – Presidente Conferenza Sindaci Ulss 2) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(6SgP_AK33PA)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria