03/04/2021 CASTELFRANCO VENETO – Vax day oggi nella Marca per la classe del 1935: tutto è andato secondo le aspettative. L’adesione – confermano i sanitari – è attorno all’80 per cento. Bene la sperimentazione della modalità “drive in” a Castelfranco, che i sindaci chiedono sia replicata su tutto il territorio. || La signora Giuseppina attendeva con ansia questo momento e con lei i tanti coscritti del 1935 chiamati al Vax day in tutta la Marca, campagna vaccinale che a Castelfranco ha visto la sperimentazione della modalità “drive in” nel piazzale del Melody. Anamnesi e inoculazione direttamente in auto.Il vax-point castellano è riuscito a vaccinare circa 35 persone all’ora anche grazie all’aiuto arrivato ai sanitari dai Carabinieri in pensione e degli Alpini, i primi incaricati di gestire l’arrivo degli assistiti, i secondi di accompagnare i veicoli nell’area di sosta.Sul posto diversi sindaci del territorio, che si sono accertati che tutto filasse liscio.Un modello da replicare, in tutta la Marca, per il primo cittadino di Castelfranco e presidente della Provincia. “Funziona”, dice Stefano Marcon.Resta la gioia di chi da mesi è costretto in casa. “E’ stato un periodo triste”, dice sempre la signora Giuseppina. “Speriamo di tornare alla normalità”. – Intervistati GIANLUIGI LUSTRO (Medico Dipartimento Prevenzione Ulss 2), CRISTINA ANDRETTA (Sindaco di Vedelago), SIMONE BAGGIO (Sindaco di Loria), DIEGO PARISOTTO (Sindaco Castello di Godego), STEFANO MARCON (Sindaco di Castelfranco – Presidente Provincia Treviso) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(Ry0wxCtq9Vc)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria