02/04/2021 TREVISO – Falsa sordomuta truffa gli avventori di un supermercato a Casier. Scoperta dai carabinieri, è stata denunciata assieme a un complice. || Avvicinava i clienti nel parcheggio di un supermercato e chiedeva insistentemente delle donazioni. Mostrava loro un certificato regionale per persone non udenti e fisicamente disabili. Documento ovviamente contraffatto. Ad insospettirsi alcuni carabinieri fuori servizio, che si trovavano nel locale per motivi privati. Uno di loro si è avvicinato alla donna che fra l’altro dopo i diversi approcci, era solita fare dei cenni di approvazione all’indirizzo di un uomo il quale di tanto in tanto l’avvicinava per un veloce quanto furtivo consulto. La donna 20 anni rumena, non sapendo che l’uomo fosse un carabiniere ha mostrato a lui il certificato con tanto di elenco riferito a sottoscrittori con nomi e somme donate. A quel punto il militare si è identificato ed ha chiesto alla ragazza i documenti, così come al complice che nel frattempo si era avvicinato per verificare il motivo del contrattempo. Non solo il certificato era falso, ma la donna non era affatto invalida. Così è scattata la denuncia per lei e per il complice, un connazionale di 33 anni. Nell’auto dell’uomo parcheggiata in un luogo defilato sono state trovate decine di mazzette di denaro contante di vario taglio per oltre 2000 euro, evidente frutto dell’introito giornaliero. Nel frattempo sono stati anche individuati diversi clienti raggirati poco prima nel supermercati, tanto che qualcuno ha poi persino sporto denuncia per l’ingegnoso raggiro subito. Gli interessati, con precedenti penali specifici, verranno ora denunciati in stato di libertà per il concorso nei reati di falso e truffa continuati. (Servizio di Daniela Sitzia)


videoid(tq7QhkUAjWY)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria