31/03/2021 VENEZIA – Emozionante video a cura dell’aeroporto “Giovanni Nicelli” di San Nicolò al Lido di San Nicolò al Lido per celebrare, tra passato presente e futuro, i 1600 anni di Venezia. L’iniziativa ha avuto un grandissimo successo diventando virale sul web. || Dal primo aeroporto civile d’Italia, lo storico “Giovanni Nicelli” di San Nicolò al Lido di Venezia, arrivano dall’aria e dal cielo gli Auguri per i 1600 anni di Venezia.Un video, curato con il coordinamento del direttore commerciale della Nicelli spa, Giacomo Zamprogno, che sta ottenendo un grande successo.La società Nicelli guidata dal presidente Maurizio Gigi Garbisa spopola in rete.Il progetto generale e i testi sono a cura dell’aeroporto “Nicelli” la regia del video di Tobia Baldan, il montaggio e le riprese video sono a cura di Alessandro Meggiolan e Alberto Bombardini.  Fino all’inizio del Trecento i veneziani si accontentavano di essere stati fondati ai tempi dell’invasione degli unni di Attila (452), fuggendo a rotta di collo davanti alle orde barbariche. La leggenda ha comunque un suo perché: i futuri veneziani scappano verso luoghi inospitali e soprattutto disabitati. Da questo origina il mito della libertà originaria di Venezia: città nata libera in luoghi non abitati da nessuno e perciò sempre rimasta libera. In realtà le lagune non erano disabitate, anche se ci vivevano in pochi, c’erano un po’ di salinari e pescatori e qualche villa di un pugno di ricchi altinati che ci andavano in vacanza. Gli spostamenti di popolazione, invece, non sono per nulla improvvisi e disordinati (gli abitanti si trasferiscono con in testa il vescovo, portando con loro reliquie e tesori) e avvengono non con l’invasione degli unni, ma con le conquiste dei longobardi seguite all’arrivo di Alboino, nel 568.Il video ripercorre le origini della Serenissima ma è un chiaro messaggio che guarda con ottimismo giusto al futuro. – Intervistati GIACOMO ZAMPROGNO (DIR. COMMERCIALE NICELLI SPA) (Servizio di Lorenzo Mayer)


videoid(oy1hr5gf6sE)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria