26/03/2021 TREVISO – Guerra ai furbetti dei rifiuti. A Treviso le telecamere incastrano donna di 60 anni mentre a San Zenone degli Ezzelini presi i responsabili di abbandoni selvaggi in Via Viazza. || Siamo in Via Castello d’amore a pochi passi dalla sede della polizia locale, una donna noncurante del cartello che avvisa della presenza di una telecamera lascia a terra tre grossi sacchi di rifiuti e se ne va. Nei sacchetti gli agenti del nucleo anti degrado della polizia troveranno rifiuti di vario genere ma anche vestiti, addirittura una pelliccia ecologica. Le telecamere l’hanno sorpresa due volte a distanza di una settimana, per lei sono scattati due verbali da 400 euro l’uno. La crociata contro gli ecovandali a Treviso mette così a segno un altro colpo e sono già 33 i verbali elevati a carico di chi abbandona rifiuti in due mesi e mezzo a Treviso. Soddisfatto del risultato il comandante Andrea Gallo: “attraverso telecamere fisse, fototrappole e servizi in borghese abbandoni sistematici sono diventati occasionali, come in Via Fagarè, Vicolo Caposile e Via Pisa”, anche grazie all’attività con gli ispettori di Priula. La collaborazione tra comune e Carabinieri Forestali ad Asolo, ha permesso di individuare altri due ecovandali, che si sono resi responsabili dell’abbandono di questi rifiuti in Via Viazza. Sono servite tre mesi di indagine per arrivare ai colpevoli che non risiedono a San Zenone ma in un comune limitrofo, la segnalazione in questo caso era arrivata da un cittadino. Basta abbandoni selvaggi, il sindaco Marin ha annunciato linea dura. – Intervistati FABIO MARIN (SINDACO SAN ZENONE DEGLI EZZELINI) (Servizio di Anna De Roberto)


videoid(LFTkl6neIXo)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria