17/03/2021 VENEZIA – Continua il dibattito sugli spazi concessi dal Comune per i giochi dei bambini. Il Partito Democratico di Venezia chiede si rimetta mano al regolamento comunale, ampliando le aree in cui è concessa questa possibilità. || Dove possono giocare i bambini di Venezia? La polemica si è riaperta dopo una discussa multa ad un gruppetto che giocava a pallone alla Giudecca ed una petizione a favore dei più piccoli promossa da venessia.com. La risposta al quesito comunque è semplice: i bambini sotto gli 11 anni posso giocare nei luoghi indicati dal regolamento comunale di polizia municipale del 2019. “Ma cosa succede se un bambino – chiede la capogruppo del Partito Democratico Monica Sambo – vuole giocare a pericolosissimi giochi come il campanon, nascondino o piera alta nella calle o strada sotto casa sua o dei suoi amici e non nei campi e nelle piazze ritenute idonee dalla Giunta?”I bambini sopra gli 11 anni sono invece limitati a giocare solo nei luoghi attrezzati. Ma in un periodo in cui la pandemia ha reso ancora più evidente la necessità dei bambini di poter giocare – si chiedono dal PD – è giusto adottare regolamenti così stringenti?Il Partito Democratico veneziano propone una revisione del regolamento con un ampliamento delle zone in cui è concesso ai bambini di giocare.A Venezia poi non è piaciuta a tutti l’uscita dell’Assessore Comunale alla Sicurezza Silvana Tosi che motivando i criteri del regolamento comunale ha detto che “i turisti non possono essere presi a pallonate”. – Intervistati MONICA SAMBO (CAPOGRUPPO PARTITO DEMOCRATICO VENEZIA), ALBERTO FANTUZZO (VICEPRESIDENTE CONSIGLIO COMUNALE VENEZIA) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(NAxe7LhRaGg)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria