13/03/2021 VENEZIA – «Vaccinare i famigliari degli ospiti delle Rsa e le loro badanti». La proposta arriva dalle tre sigle sindacali dei pensionati. || Le sigle dei pensionati suggeriscono di prevedere vaccinazioni per un famigliaredell’ospite in rsa più stretto, in modo da garantire visite in sicurezza, seppur soggette alle necessarie regole anti-contagio. «A un anno dal primo lockdown – sottolineano Elena Di Gregorio (Spi), Vanna Giantin (Fnp) e Fabio Osti (Uilp) –rileviamo come nelle case di riposo la solitudine e lo sconforto abbiano preso in molti casi il sopravvento. Le Rsa venete, con diverse indicazioni, hanno concesso in alcuni periodi visite contingentate da parte dei famigliari». Ma le regole ferree non hanno permesso agli ospiti di poter godere davvero del conforto da parte dei propri cari. «Ora – continuano i sindacati – sappiamo dalla Regione che il 95% degli ospiti è vaccinato e che le residenze sanitarie assistenziali sono praticamente Covid free. Gli anziani, dunque, potrebbero godere di una presenza tangibile dei propri cari. Chiediamo quindi che venga fatto tutto il possibile per consentire la ripresa dei contatti e dei rapporti affettivi tra i familiari e gli ospiti delle Rsa». – Intervistati FABIO OSTI (Uilp Veneto) (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(uaQu18aTkcE)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria