08/03/2021 CARMIGNANO DI BRENTA – Una crescita di 95 positivi al giorno, a fine gennaio erano 60 secondo i dati diffusi dall’Ulss 6 Euganea. Sulla base di questi dati la regione ha deciso di chiudere le scuole nell’Alta Padovana a partire dalla seconda media. Intanto si attendono gli esiti dei tamponi molecolari eseguiti sugli studenti del liceo Caro di Cittadella e sui ragazzi a contatto con il parroco, positivo, durante la prima confessione a Carmignano di Brenta. || Le scuole chiuse sinora sono quattro: il liceo Caro di Cittadella, due scuole a San Martino di Lupari, una a Villa del Conte. Scuole di ogni ordine e grado. A essere interessate dalla chiusura decisa dalla regione, dato l’elevato numero di contagi sulla popolazione, 272 ogni centomila abitanti, saranno, probabilmente da giovedì, le classi a partire dalle seconde e terze medie del distretto Alta Padovana dell’Ulss 6. Sorpresi i sindaci, che ancora, nel pomeriggio, non avevano ricevuto alcuna comunicazione ufficiale: «Noi non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione ufficiale – spiega Eric Pasqualon, vicesindaco reggente – se penso alle nostre scuole, non abbiamo casi di positività nelle terze medie, mi sembra una decisione non risolutiva rispetto ai problemi che ci troviamo ad affrontare a parte che non è stata condivisa». In attesa della comunicazione ufficiale, intanto i sindaci fanno i conti con il numero di contagi. A Galliera Veneta, dato di domenica ci sono 72 casi ma a inizio della scorsa settimana non superavano una decina e l’età dei contagiati spiega il sindaco Perfetti si sta abbassando. A Carmignano di Brenta sono 95, numeri cresciuti di poche unità negli ultimi giorni. Qui il vicesindaco reggente è in attesa dei tamponi molecolari eseguiti sui ragazzi di quarta elementare che hanno celebrato la prima confessione con il parroco risultato positivo al Covid. Entro la giornata di domani dovrebbero arrivare i tamponi dei ragazzi che attualmente sono in didattica a distanza. Attesa dei risultati dei tamponi anche per i mille studenti del Liceo Caro di Cittadella. A Carmignano di Brenta, durante le messe della domenica, letta una comunicazione del vicario della diocesi di Vicenza: «Attraverso una lettera di don Lorenzo, vicario del vescovo – conclude Eric Pasqualon – la parrocchia è stata invitata a sospendere le attività di catechismo, il centro giovanile sarà chiuso per un mese. Come comune, abbiamo invitato il Carmenta Calcio a sospendere tutti gli allenamen – Intervistati ERIC PASQUALON (Vicesindaco Reggente di Carmignano di Brenta) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(9qaszviNaOk)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria