06/03/2021 NOVENTA VICENTINA – Truffa al fisco da 900mila euro. Sequestrati immobili e conti ad una coppia vicentina titolare di una ditta di vigilanza || Una maxi truffa di più di 900 mila euro ai danni dell’erario e degli isitituti previdenziali è stata smascherata dai militari della Finanza berica. I Responsabili sono due coniugi di 70 e 60 anni, amministratori di una società del basso vicentino che opera nel settore della vigilanza privata. Avrebbero compensato i propri debiti con crediti previdenziali fittizi di aziende inesistenti, cessate, fallite o prive di posizioni contributive utili. L’azienda, apparentemente in regola con il fisco, a partire dal 2019 fino a settembre 2020, avrebbe “versato” il debito verso l’Erario e gli istituti previdenziali attraverso delle “false compensazioni” di imposte e contributi con crediti previdenziali di altre imprese: 14 sul territorio nazionale, ignare della frode in atto. Le fiamme gialle hanno anche appurato che la ditta presentava i modelli F24 tramite il sistema home-banking e attraverso conti correnti, intestati a una delle imprese, coinvolte nel meccanismo fraudolento, sui quali però non esisteva delega ad operare. Per questo alla coppia sono stati sequestrati conti correnti e due immobili a Castegnero. (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(mFwHHKJV7Pk)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria