04/03/2021 TREVISO – La “Casa di Margherita” diventa realtà. L’associazione è riuscita a raccogliere fondi per l’acquisto di una casa al mare destinata a tutti i bambini e ragazzi malati oncologici || Se fossi il sole darei la luce ai bambini che hanno paura del buio”, lo scriveva in terza elementare Margherita Mion, portata via a 18 anni da una forma rara di tumore. Oggi i genitori – grazie ad un tam tam che ha portato ad una raccolta fondi di 280mila euro – quel raggio di sole lo hanno indirizzato a famiglie con bimbi malati oncologici, attraverso una casa al mare, intitolata a Margherita, a Duna Verde. Adattata alle esigenze dei bimbi in cura, dove potranno trascorrere una vacanza, un assaggio di vita “normale”, lontani dalle corsie, seguiti dai loro angeli in camice bianco dell’Ulss2 che ha patrocinato il progetto. L’acquisto della casa è stato possibile grazie alla sinergia tra associazioni ed enti del territorio, dall’Ail all’associazione camminare per la vita, al centroMarca Banca, rivolte al benessere dei bambini del reparto di Emato-oncologia Pediatrica dell’Ospedale di Treviso – Intervistati MARCO MION (Associazione “Margherita..c’è ancora vita”), CLAUDIO ALESSANDRINI (Direttore Generale CentroMarca Banca), DEBORAH COMPAGNONI (Associazione “Camminare per la vita”) (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(iapcLZfZKnA)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria