ANTENNA TRE | Medianordest

CAMPAGNA LUPIA | DOMICILIARI A GUERRINO MINTO, L’EX MOGLIE: «UNA VERGOGNA»

25/02/2021 CAMPAGNA LUPIA – Arresti domiciliari per l’ uomo che nel 2013 uccise il figlio a Campagna Lupia. L’ex moglie indignata: è una vergogna. || A 8 anni dall’omicidio del figlio, Guerrino Minto è uscito dal carcere ottenendo gli arresti domiciliari da scontare nella sua casa di Campagna Lupia. Quella casa in cui il 26 luglio del 2013, l’uomo oggi 77enne uccise con un fendente al cuore il figlio 21enne Alessandro. E per cui sta scontando 15 anni. Viste la sua età e le precarie condizioni di salute, il suo difensore, è riuscito a ottenere la misura alternativa al carcere. «Una vergogna!» è stato il commento dell’ ex moglie, mamma di Alessandro, che già in passato ha battagliato dopo una precedente scarcerazione di Minto, e che ha scoperto casualmente la notizia notando le finestre aperte.La donna non crede alle ragioni di salute e la considera un’ingiustizia. Sostiene sia un uomo pericoloso, dal momento che ha ucciso il figlio per futili motivi e ora teme anche per se stessa. (Servizio di Ilaria Marchiori)


videoid(2CMFPZRMMbo)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria

Exit mobile version