23/02/2021 BELLUNO – Si sono riaccese le luci sul Teatro Comunale di Belluno. Ieri un gesto simbolico ma ricco di significato ha unito i luoghi della cultura di tutto lo stivale chiusi ormai da un anno causa pandemia. || Luci in sala e nel foyer, sipario sulla scena vuota da un anno ma non abbandonata. Perchè il teatro vive di vita propria, il teatro è esso stesso luogo di emozioni pur nel silenzio ricolmo di speranza.L’iniziativa di UNITA, l’unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo, ha lanciato un segnale e una richiesta al nuovo Governo affinchè si torni a parlare di teatro e di spettacolo dal vivo. Un settore in ginocchio deciso a non mollare la presa. A Belluno la Fondazione Teatri delle Dolomiti ha usato questo lungo periodo di chiusura per investire sul teatro. Sono quasi 300 nella sola provincia di Belluno le persone che lavorano in teatro e per il teatro. Molti, durante questo lungo periodo hanno dovuto cercare un’altra occupazione. – Intervistati TIZIANA PAGANI CESA (PRESIDENTE FONDAZIONE TEATRI DELLE DOLOMITI), MARCO PERALE (ASSESSORE CULTURA COMUNE DI BELLUNO) (Servizio di Tiziana Bolognani)


videoid(K3gxowNFv_o)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria