16/02/2021 VENEZIA – Più tamponi, più controlli sui “contatti” e più giorni di quarantena.Con la scoperta del primo focolaio di variante inglese del Coronavirus in una scuola di Malcontenta, l’Azienda Sanitaria ha rafforzato i controlli sui positivi e sulle persone con cui sono state a contatto. || «Gli esiti delle verifiche sul focolaio che ha interessato una classe della scuola primaria Fratelli Bandiera di Malcontenta sono compatibili con la presenza della variante inglese».In una situazione generale di calo dei contagi, l’ULSS3 Serenissima ha confermato la formazione del primo focolaio di variante inglese del Coronavirus nel veneziano.Si tratterebbe di sette alunni ed un insegnate della stessa classe. L’azienda sanitaria ha confermato che la variante inglese presenta per certo una differenza nella trasmissibilità del contagio che per questo motivo si stanno applicando le misure di monitoraggio del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica in modo più stringente.La conferma della presenza di varianti è arrivata poi anche dalle analisi effettuate dall’Istituto zooprofilattico delle Venezie. Per i positivi, nello specifico, è stata ampliata la tempistica dei tamponi, l’indagine epidemiologica sui contatti è stata allargata dalle consuete 48 ore a 14 giorni così come la quarantena dei contatti è passata da dieci a quattordici giorni.I lavoratori della scuola rientranoperaltro tra le priorità della campagna vaccinale anti-Covid. – Intervistati MANUELA LANZARIN (ASSESSORE ALLA SANITA’ REGIONE VENETO) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(q-V6ixQa5CY)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria