09/02/2021 TREVISO – Un albero dai mille significati quello piantumato oggi al Bosco del respiro, alle porte di Treviso, e dedicato a un alpino, Antonio Cazzaro. || Si è sempre prodigato per la comunità, Antonio Cazzaro, per anni impiegato al Genio Civile ma soprattutto alpino durante il terremoto del Friuli, esperienza che lo segnò profondamente.Da oggi a ricordarlo ci sarà un albero, un acero rosso, piantumato all’ingresso del Bosco del respiro, luogo che – alle porte della città – contiene specie scelte per il loro basso impatto allergenico, quasi un unicum a livello nazionale, gestito dall’Alir, l’associazione contro l’insufficienza respiratoria. Giorgio Cazzaro, noto allergologo e fratello di Antonio, lo sottolinea con orgoglio nell’anno in cui il Covid ha messo in pericolo proprio il respiro. “Siamo pronti a portare avanti nuove iniziative e coinvolgere i più giovani”, dice Cazzaro.A parlare di un “albero dai mille significati” è anche l’assessore comunale all’ambiente Alessandro Manera. – Intervistati GIORGIO CAZZARO (Allergologo – Vicepresidente ALIR), ALESSANDRO MANERA (Assessore Ambiente Comune Treviso) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(lN4X1ZBvXp8)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria