09/02/2021 MESTRE – Violento pestaggio a Mestre nella centralissima Riviera XX Settembre. Oggi il Prefetto annuncia «provvedimenti anche per i genitori con l’immediata revoca del pemesso di soggiorno se stranieri», e il Questore ha già pronti sia i fogli di via che di sorveglianza speciale. || Più che una rissa, un’aggressione: un’autentica spedizione punitiva in Riviera XX Settembre a Mestre organizzata da un gruppetto di ragazzini albanesi per rivalersi nei confronti del gruppo di coetanei veneziani che la sera del 13 dicembre scorso li aveva pestati a Venezia in località Bella Vienna. E’ stato Stefano, il tabaccaio della vicina e parallela voi Verdi a chiamare le forze dell’ordine. La calca rappresentata dai 200 ragazzi che animavano questo zona del centro di Mestre che con i due bar speculari è diventata oramai il ritrovo della movida. «Un regolamento tra due baby gang rivali» ci dice oggi la polizia locale che ha fermato il 16 enne albanese autore del violento pestaggio nei confronti del 20enne veneziano già dimesso dall’Angelo. Qui per ammissione delle stesse bariste la sera è il caos. Molti dei ragazzi identificati sono già noti alle forze dell’ordine. Con il PrefettoVittorio Zappalorto che annuncia «provvedimenti anche per i genitori che se stranieri, sono anche a rischio revoca permesso di soggiorno» – Intervistati STEFANO MARCHI (TABACCAIO), FABRIZIO CONIGLIO (MESTRE OFF LIMITS) (Servizio di Annamaria Parisi)


videoid(RmtvN2KEum0)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria