03/02/2021 TREVISO – Per il primo fine settimana di zona gialla, Treviso si sta attrezzando. La Polizia locale chiede la collaborazione dei cittadini per evitare assembramenti: «Faremo sensibilizzazione, ma, se necessario, anche sanzioni». Pesante provvedimento, intanto, nei confronti di un bar di viale Nino Bixio. || Zona gialla messa alla prova, sabato e domenica, dal consistente afflusso di persone che potrebbero raggiungere Trreviso dai comuni della Provincia. La Polizia locale si sta attrezzando e non è escluso di poter rivedere, chiusure e deviazioni del traffico pedonale, per evitare assembramenti.Sui social il sindaco Mario Conte ha specificato che l’intento non è quello di staccare verbali, ma la linea sarà comunque rigorosa. Massima attenzione ai locali, che rischiano provvedimenti drastici, come il divieto per trenta giorni di vendita di alcolici disposto con un’ordinanza di oggi nei confronti di un bar di viale Nino Bixio. «Nelle ultime settimane – spiega il comandante della Polizia locale Andrea Gallo – abbiamo ricevute molte segnalazioni per assembramenti e per notevoli quantità di bottiglie e lattine di alcolici lasciate a pochi metri dal bar. Gli assembramenti sono stati puntualmente sanzionati tant’è che si può contare una decina di verbali a carico di varie persone, mentre un cittadino è stato sanzionato per manifesta ubriachezza in pieno pomeriggio. La situazione necessitava di un provvedimento forte e drastico che vuole riportare la zona nella normalità, senza persone che si ubriacano, che poi disturbano e che lasciano il suolo pubblico pieno di contenitori vuoti di bevande alcoliche». – Intervistati ANDREA GALLO (Comandante Polizia locale Treviso) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(Gzr50K_mlx8)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria