21/01/2021 MARGHERA – Il Veneto sta attraversando la terza ondata: lo ha confermato oggi il Presidente Zaia nel corso della conferenza stampa dall’unità di crisi di Marghera. Domani si saprò se la Regione resterà arancione o verrà dichiarata gialla. Zaia ha inoltre annunciato che il Veneto riuscirà a completare le seconde somministrazioni dei vaccini nonostante i tagli Pfizer e è intenzionato ad aprire subito anche agli over 75, non solo over 80. || Il Veneto sta attraversando la terza ondata di Coronavirus, per il picco esponenziale di contagi, mortalità e parametri di ospedalizzazione in escalation in poco meno di un mese, un’ondata che se fosse arrivata a Febbraio avrebbe messo in ginocchio anche la nostra Regione. Un ragione, questa, per guardare con attenzione alla decisione di domani quado la nostra Regione saprà se sarà diventata gialla o se sarà confermata arancione. Nessuna novità invece sul fronte vaccini, con la speranza di tornare a regime con la prossima fornitura Pfizer che permetterà di allargare, Zaia se lo augura, anche lo spettro della prima vaccinazione alla popolazione. Da qui, per accelerare la corsa contro il tempo la disponibilità dichiarata da Zaia di molti imprenditori veneti pronti a fare la loro parte con l’aiuto della finanziaria regionale. Un passaggio poi sui tamponi fai da te: la sperimentazione del Dottor Rigoli è ultimata i dati arriveranno a breve a Roma. E sempre a Roma Zaia oggi ha mandato un nuovo messaggio, anche alla luce delle dichiarazioni del Premier Conte sulla riforma dell’art. V della Costituzione. – Intervistati LUCA ZAIA (PRESIDENTE REGIONE VENETO) (Servizio di Anna De Roberto)


videoid(p8ne9A6Gd44)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria